Skip to content

Migliori Computer Subacquei: Guida all’Acquisto

Un buon computer subacqueo è essenziale per conoscere i dati necessari per una corretta immersione ed evitare eventuali avvenimenti spiacevoli che potrebbero accadere sotto il livello del mare.

Esistono diversi modelli di computer subacquei, con prezzi, algoritmi e funzioni differenti. Alcuni funzioneranno solo con aria, altri anche con nitrox e altre miscele. Quest’ultimi sono adatti per lo più a immersioni tecniche. Se non sai quale acquistare, non ti preoccupare, sei finito nel posto giusto.

Qui troverai le recensioni sui migliori computer subacquei presenti in commercio, in modo da aiutarti a fare un acquisto sicuro sia per il tuo portafoglio che per la tua immersione!

Offerte dei Migliori Computer Subacquei

SCONTATOMiglior Prodotto 👉 1 SEAC Driver, Computer da Polso per Immersioni in Apnea con Download Dati Unisex Adulto, Nero,...
SCONTATOMiglior Prodotto 👉 2 Suunto Dive EON Core
SCONTATOMiglior Prodotto 👉 3 Cressi Leonardo Diving Computer Computer Subacqueo Aria/Nitrox, Modalita Profondimetro, Misura...
SCONTATOMiglior Prodotto 👉 4 Seac Action Computer Da Subacquea Per Immersioni E Apnea, 13.4 x 10 x 8.4 Cm, Nero Bianco
SCONTATOMiglior Prodotto 👉 5 Mares 414135, Computer da Polso Unisex – Adulto, Nero/Bianco, Taglia Unica
SCONTATOMiglior Prodotto 👉 6 Suunto Dive D5 Computer Subacqueo, Rame
Miglior Prodotto 👉 7 Mares 414169, Computer da Polso Unisex – Adulto, Nero/Nero, Taglia Unica
SCONTATOMiglior Prodotto 👉 8 Decompressione al computer. Analisi teorico-pratica del fenomeno decompressivo e dei software che lo...
Miglior Prodotto 👉 9 Cressi Giotto Professional Console Subacquea, Uomo, Nero, 3 Bar

Recensioni dei migliori Computer Subacquei

Come Funzionano i Computer Subacquei?

Come Funzionano i Computer Subacquei?

Per capire come funziona un computer subacqueo dobbiamo prima avere un’idea chiara di quali sono gli strumenti d’immersione che si adoperavano prima del suo utilizzo. Infatti, questo genere di orologio subacqueo è in grado di misurare una miriade di dati e ha alleggerito di gran lunga i sub dagli strumenti che si utilizzavano per fare dei calcoli incrociati.

Per non parlare dell’aumento della sicurezza, grazie ai loro sofisticati algoritmi sono in grado d’indicare se una discesa o risalita è troppo veloce, o ancora quando fare le soste di profondità e sicurezza e alcuni anche di controllare la miscela dell’aria rimanente. Scopriamo quali sono tutti gli strumenti che è in grado di sostituire.

Profondimetro

Il profondimetro è uno strumento in grado d’indicare al subacqueo la profondità in cui si trova. I modelli più vecchi e anche maggiormente diffusi sono quelli a bagno d’olio e a membrana. I primi hanno la cassa riempita totalmente con dell’olio, da qui il nome, che attraversa un tubo chiamato Bourdon e che quando la pressione esterna aumenta (a causa della discesa verso il fondo), l’olio fa spostare la lancetta del profondimetro. Quelli a membrana invece hanno un funzionamento simile, solo che in questo caso sarà la membrana a essere compressa e a seguito dei movimenti di alcune leve danno alla lancetta l’input di spostarsi! Altri modelli di profondimetri sono quelli elettronici, sicuramente più precisi delle prime due versioni.

Manometro

Il manometro serve a indicare la pressione interna delle bombole e dare un’idea di quanta aria (o miscela) è presente all’interno. Bisogna sottolineare che la maggior parte dei computer subacquei da polso non si collega alle bombole, quindi il manometro è praticamente d’obbligo in ogni immersione. Solo alcuni modelli di computer da sub (da polso) hanno questa funzione, ma sono per lo più modelli costosi e adatti a immersioni tecniche.

Esistono due tipi di manometro, quello meccanico e quello elettronico. La versione meccanica utilizza un sistema simile al profondimetro e attraverso delle leve sposta la lancetta nel quadrante. L’elettronico invece possiede un sensore leggermente più preciso che indica la profondità attraverso un display.

Il funzionamento è molto semplice, possiede una frusta che viene collegata al primo stadio dell’erogatore. La pressione attraversa la frusta e permette al manometro d’indicare la quantità d’aria presente. Esistono dei computer subacquei con frusta, che sono molto più economici rispetto alla versione da polso citati sopra e che danno la possibilità di tenere sotto controllo pressione e profondità da un unico strumento.

Orologio

Ovviamente ogni immersione ha dei tempi che devono essere obbligatoriamente rispettati per un milione di fattori legati soprattutto alla sicurezza. Ecco che quindi serve anche un orologio per sapere l’ora esatta in cui inizia l’immersione e anche quando finisce.

Gli orologi da sub sono ampiamente venduti e, in passato soprattutto, venivano usati in combinazione con gli strumenti appena citati per avere dei dati completi riguardo le immersioni. Anche qui ne esistono sia in versione meccanica che digitale. Quelli di ultima generazione indicano hanno una funzione che indica l’ora esatta in cui si scende sott’acqua.

Per fortuna, grazie all’innovazione e alla quantità di nuovi subacquei che si avvicinano a questo splendido sport, i computer subacquei sono sempre più affidabili. Inoltre, uniscono tutti gli strumenti elencati sopra in uno solo.

Come Scegliere un Computer Subacqueo e Come si usa?

Computer Subacquei

Perfetto, ora che abbiamo un’idea più chiara di quali sono gli strumenti che è andato a sostituire il computer subacqueo. Andiamo a scoprire cosa c’è al suo interno e perché è necessario averne uno per svolgere l’immersione in completa sicurezza!

Timer

Il timer serve a sostituire l’orologio da sub. Senza andare troppo per tecnicismi, possiamo dire che la sua funzione principale è quella d’indicare l’inizio, la fine, la durata dell’immersione e il tempo delle soste.

Trasduttore di pressione ambientale

Questo trasduttore serve a indicare la pressione esterna e sostituisce quindi il profondimetro. Man mano che il subacqueo scende sott’acqua il computer sarà in grado di misurare la corretta profondità raggiunta e anche quella massima.

Trasduttore di pressione nelle bombole

In questo caso invece avremo un trasduttore che misurerà la pressione contenuta nelle bombole e la relativa quantità d’aria restante. Questa è la funzione che sostituisce il manometro e che non tutti i computer hanno, ma che si può tranquillamente ovviare collegando il manometro alla bombola o usare un computer con frusta.

Tutti i computer subacquei inoltre sono dotati di un termometro per conoscere la temperatura presente in acqua e danno la possibilità al subacqueo di collegarsi, finita l’immersione, a un PC per scaricare i dati dell’immersione e avere un’idea più chiara di quello che è stato fatto sott’acqua.

Per quanto riguarda la scelta del modello più adatto, possiamo dire come indicazione generale che deve essere dotato della funzione per il cambio di miscela, soprattutto se sei alle prime armi. Questo per effettuare non solo immersioni con aria ma anche con nitrox, così da poter scendere anche oltre i 18 metri (ovviamente se il brevetto lo concede) ed evitare tutti i modelli che posseggono un display di difficile lettura.

Algoritmo dei computer subacquei

I subacquei più esperti sanno che è buona norma scendere con due computer, questo per evitare che uno dei due si rompa e per tenere sotto controllo i dati. Per le prime immersioni non è necessario averne due, anche perché si presuppone che si scenda con una guida esperta o meglio ancora con un istruttore, però almeno un computer è d’obbligo.

Si ricorda che è altamente pericoloso fare immersioni da soli e che bisogna sempre scendere in coppia, un buon computer subacqueo non esonererà il sub da incidenti.

Gli algoritmi di tutti i computer subacquei sono diversi da marchio a marchio e tutto dipende su chi sono stati effettuati i test. Tendenzialmente vengono sempre presi in esame soggetti sani, di altezza e peso nella media. Inoltre, molti test vengono effettuati direttamente su militari della Marina.

Per dare un’idea del suo funzionamento possiamo dire che il computer funziona per intervalli. Quindi ma mano che si scende, l’algoritmo interno, userà i trasduttori per effettuare dei calcoli matematici che daranno al sub le corrette informazioni di profondità, quantità di aria contenuta nella bombola (se dotato di trasduttore di pressione per le bombole) e tempistiche. In genere gli intervalli sono di pochissimi secondi, dai 3 ai 5 e si aggiornano fino allo spegnimento del computer.

Per evitare di sfasare l’algoritmo, si consiglia di spegnere il computer tra un’immersione e l’altra o almeno da un giorno all’altro. Questo per evitare che si creino dei margini di errore o, per lo meno, ridurli al minimo.

Per concludere, possiamo quindi dire che l’uso del computer è essenziale per effettuare immersioni in curva di sicurezza, che andranno ovviamente preventivate prima di scendere durante il briefing ed evitare quindi soste di decompressione. Migliori Computer Subacquei: Guida all’Acquisto

Ultimo aggiornamento 2022-11-29 at 08:39 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API. Dettagli